Mislaid - Smarrito

Saturday, December 22, 2007

It slips slow,
on the road my torment,
in this spellbound dream,
of that off-key organ.

Maybe after all I have looked for,
to save my past,
without never looking inside,
to my soft faded love.

And so I have mislaid my self,
seeking yours sheet music,
that dream has given me,
that night in the past.

Softly I have recovered my self,
from that sense of ‘mislaid’,
that almost I brought inside,
and that after all is never faded.

bar.gif

Scivola lento,
sulla strada il mio tormento,
in questo sogno incantato,
di quell’organo stonato.

Forse in fondo ho cercato,
di salvare il mio passato,
senza mai guardare dentro,
al mio dolce amore spento.

E così mi son smarrito,
ricercando il tuo spartito,
che quel sogno mi ha donato,
quella notte nel passato.

Dolcemente son guarito,
da quel senso di ’smarrito’,
che ormai portavo dentro,
e che in fondo non si è mai spento.

cityhall_0000.jpg

Dancing - Danzando

Sunday, December 9, 2007

Slipping, drops of rain.
Soft notes of a melody,
overwhelming of passion.

Blowing, breaths of wind.
Candid words of a poetry,
hot of desire.

Dissolving, colors of the sunset.
Simple movements of an embrace,
full of feeling.

Swings the enchantment.
Fragile caresses of a dream,
too much real.

Dancing, in the soul.
Sweets emotions of a fable,
been born in the color of your eyes.

bar.gif

Scivolando, gocce di pioggia.
Morbide note di una melodia,
travolgenti di passione.

Soffiando, aliti di vento.
Candide parole di una poesia,
roventi di desiderio.

Stemperando, colori del tramonto.
Semplici movenze di un abbraccio,
cariche di sentimento.

Dondola l’incanto.
Fragili carezze di una sogno,
ormai troppo reale.

Danzando, nell’anima.
Dolci emozioni di una fiaba,
nata nel colore dei tuoi occhi.

dancing_0000.jpg

In the dark - Nel buio

Monday, November 26, 2007

Thoughts in that dark,
of loneliness and melancholy,
following that mirage,
of fame and harmony.

You have asked a caress to the sky,
and the rain touched you.
But the dark is too much acrid,
and the rain was not enough.

You have asked an embrace to the sea,
and the wind encircled you.
But the dark is too much weak,
and the wind was not enough.

You have asked a kiss to the earth,
and the fire heated you.
But the dark is too much cold,
and the fire was not enough.

Suddenly light,
a caress,
an embrace,
a kiss.

What you have looked for,
my hands on your face,
my arms around you,
my lips on yours.

My sun has heated you,
my moon has driven you,
and also if you don’t want,
you’ll dream me again.

bar.gif

Pensieri in quel buio,
di solitudine e malinconia,
inseguendo quel miraggio,
di fama ed armonia.

Hai chiesto al cielo una carezza,
e la pioggia ti sfiorò.
Ma il buio è troppo acre,
e la pioggia non bastò.

Hai chiesto al mare un abbraccio,
ed il vento ti cinse.
Ma il buio è troppo debole,
ed il vento non bastò.

Hai chiesto alla terra un bacio,
ed il fuoco ti scaldò.
Ma il buio è troppo freddo,
ed il fuoco non bastò.

Ad un tratto luce,
una carezza,
un abbraccio,
un bacio.

Tutto quello che cercavi,
le mie mani sul tuo viso,
le mie braccia attorno a te,
la mie labbra sulle tue.

Il mio sole ti ha scaldato,
la mia luna ti ha guidato,
ed anche se non lo vuoi,
sognerai di nuovo me.

dark_0000.jpg

Evening’s embrace - Abbraccio della sera

Wednesday, November 21, 2007

In the embrace of the evening,
I am searching for the chimera,
of a love that is hoped.

Ardent portrait,
of a heart that feels,
as a flower refulgent.

Suddenly they have returned,
that memoirs by now past,
of loves never tried.

But life has rewarded,
who with the heart has learned,
to cut with the past.

And not all are conscious,
that to belie the feelings,
it does only us more losers.

And sometimes also the mind,
can stun who feels it,
like a cure of the present.

Dear sweet agony,
that in the heart you leave wake,
I hope one day to make you mine.

I’m sorry, but this is a translation of an Italian poetry, written in rhyme. And so, the translation is not so nice as the original. But the next step will be to write a rhyme poetry in English

bar.gif

Nell’abbraccio della sera,
sto cercando la chimera,
di un amore in cui si spera.

Ritratto un po’ ardente,
di un cuore che si sente,
come un fiore rifulgente.

Ad un tratto son tornati,
quei ricordi ormai passati,
di amori mai tentati.

Ma la vita ha premiato,
chi col cuore ha imparato,
a tagliare col passato.

E non tutti son coscienti,
che tradire i sentimenti,
ci fa solo più perdenti.

Ed a volte anche la mente,
può stordire chi la sente,
come cura del presente.

Cara dolce agonia,
che nel cuore lasci scia,
spero un giorno di farti mia.

evening_0000.jpg

Tortellini - Tortellini

Friday, November 16, 2007

For the dinner inauguration of the new flat of Damiano,
I and Giancarlo have decided to prepare Tortellini.

Here is the recipe of the filling:

1 hg of Parma raw ham
1 hg of mortadella
1 hg of pig loin
1 hg of turkey loin
1 hg of parmesan
1 yolk egg
salt (enough)
nutmet (enough)
butter

Cut the meat to small cubes, and brown a little bit it in the butter.
Put all in the cook robot and grind all thinly with the egg.
Add nutmet and salt as you like.

Here is the recipe of the pasta:
1 hg of flour zero type every whole egg.
1 hg of filling.

Prepare at least 3 eggs of pasta for to have a workable mixture.

Mix eggs and flour, WITHOUT SALT, till to obtain a homogeneous mixture, and without clots.
Put the mixture in a bin with hermetic closing, to avoid the drying.

Cut one piece large 1 cm and stretch it with the hands.
Stretch it with the machine or the rolling pin, till to make it as thin as possible.

Divide the thin pasta in square of 50 mm.
Add the filling and close it.

Execute the operations of cutting and closing as fast as possible to avoid
the drying of the pasta.

P.S.: A nice joke is to prepare some tortellini with much pepper for your best friends!! You will see how they will become red!!

P.P.S: My friends LOVE MY JOKES!!

Here is some photos:

pic_0001.jpg
My first tortellino

pic_0002.jpg
Final result

bar.gif

Per la cena di inaugurazione del nuovo appartamento di Damiano,
io e Giancarlo abbiamo deciso di preparare i Tortellini.

Ecco la ricetta del ripieno:

1 hg di prosciutto crudo di Parma
1 hg di mortadella
1 hg di lombo di maiale
1 hg di fesa di tacchino
1 hg di Parmigiano reggiano
1 tuorlo uovo
sale (qb)
noce moscata (qb)
burro

Tagliare la carne a cubetti, e rosolarla leggermente nel burro.
Mettere il tutto nel robot da cucina e macinarlo finemente con l’uovo.
Aggiungere noce moscata e sale a piacimento.

Ecco la ricetta per l’impasto:

1 hg di farina tipo 0 ogni uovo intero.
1 hg di ripieno.

Prepararne almeno 3 uova (quindi 300 gr di farina) per avere un impasto “lavorabile”.

Impastare uova e farina, SENZA SALE, fino ad ottenere un impasto omogeneo, e privo di grumi.
Riporre l’impasto in un contenitore a chiusura ermetica, per evitare che si secchi.

Tagliare una fetta larga circa 1 cm dall’impasto, e stenderlo a mano.
Tirare la pasta con la macchina o col mattarello fino a renderla il più sottile possibile.

Dividerla in quadrati di lato 50 mm.
Aggiungere il ripieno e chiuderlo.

Eseguire le operazioni di tagli e chiusura il più in fretta possibile per evitare
che la pasta si secchi.

P.S.: Uno scherzo carino è quello di preparare alcuni tortellini con molto pepe per i tuoi migliori amici. Vedrai come diventeranno rossi!!

P.P.S.: I miei amici AMANO I MIEI SCHERZI!!

Ecco alcune foto:

pic_0001.jpg
Il mio primo tortellino

pic_0002.jpg
Risultato finale

Love’s Dream - Sogno d’amore

Monday, November 12, 2007

I have written this poetry for a girl, but she be afraid of the love.
The love frightens who doesn’t know how to handle it. And it’s destiny that who can handle it, meet persons without this wonderful gift.
I hope that someone will love this poetry, even for she.

Sweet chimera, that live among the dark waves of my dreams, listens to my words.
I would see your face reflected on the waves of my sea.
I would light my sky with the light of your eyes.
I would like your heart beside my moon.

A summer night, I have met you among my dreams.

I looked your eyes, and the rain stopped.
I looked your smile, and a rose budded.
I touched your lips, and the moon illuminated our hearts.

Extended among the waves of our love, I realized how was strong our feeling.

I tried to not close my eyes, fearing to lose you, but the sun brought away you from me.
I asked to the moon where the sun had brought you, but she didn’t respond me.

Desperate I closed my eyes, and I still felt you inside me.
After all, you are only a dream, and live in my heart.

However, if a day I will meet you in the reality, I will narrate you of this dream of mine,
and if you will mirror yourself in my words, I will know to have found you.

bar.gif

Ho scritto questa poesia per una ragazza, ma lei teme l’amore.
L’amore spaventa chi non sa come gestirlo. Ed è destino che chi lo sa gestire, incontri persone senza questo dono meraviglioso.
Spero che qualcuni amerà questa poesia, anche per lei.

Dolce chimera, tu che vivi fra le onde oscure dei miei sogni, ascolta le mie parole.
Vorrei vedere il tuo volto riflettersi sulle onde del mio mare.
Vorrei che i tuoi occhi illuminassero il mio cielo.
Vorrei il tuo cuore accanto alla mia luna.

Una notte d’estate ti incontrai fra i miei sogni.

Guardai i tuoi occhi, e la pioggia cessò.
Guardai il tuo sorriso, e una rosa sbocciò.
Sfiorai le tue labbra, e la luna illuminò i nostri cuori.

Distesi fra le onde del nostro amore, mi accorsi di quanto fosse forte il legame che ci univa.

Cercai di non chiudere gli occhi per paura di perderti, ma il sole ti portò via da me.
Chiesi alla luna dove il sole ti avesse portato, ma lei non mi rispose.

Disperato chiusi gli occhi, e ti sentii ancora viva dentro me.
In fondo, tu sei solo un sogno, e vivi nel mio cuore.

Però, se un giorno dovessi incontrarti nella realtà, ti narrerò di questo mio sogno,
e se ti rispecchierai nelle mie parole, saprò di averti trovato.

rose_0002.jpg

Sea’s gale - Burrasca di mare

Monday, November 12, 2007

Sat on a rock-cliff,
I look the sea in storm.

I let me to wrap from this intense brackish smell.

To the horizon,
the storm paints the clouds of a intense violet.

The soft sound of the waves
caresses my thoughts.

Today it’s gale,
but tomorrow a new sun will heat my heart.

bar.gif

Seduto su uno scoglio,
guardo il mare in burrasca.

Mi lascio avvolgere da questo intenso odore salmastro.

All’orizzonte,
la tempesta dipinge le nuvole di un viola intenso.

Il morbido suono delle onde
accarezza i miei pensieri.

Oggi è burrasca,
ma domani un nuovo sole riscalderà il mio cuore.

sea_0000.jpg

Ice Rose - Rosa di ghiaccio

Thursday, November 8, 2007

Sighs of a night,
passed to rummage,
among the paths of love.

Stuffed silence,
of snow that falls,
in the garden of the heart.

Among the hill can be seen,
celestial vision,
of a spellbound dream.

Infinite reflexes
of sea gems,
here is the queen of my agonies.

My sun will heat,
that suffocating blanket,
that imprisons your heart.

My moon will watch over,
your return,
among my arms.

bar.gif

Sospiri di una notte,
passata a frugare,
fra i sentieri d’amore.

Silenzio ovattato,
di neve che cade,
nel giardino del cuore.

Fra le alture si scorge,
celeste visione,
di un sogno incantato.

Infiniti riflessi
di gemme marine,
ecco la regina delle mie agonie.

Il mio sole scalderà,
quella coltre soffocante,
che imprigiona il tuo cuore.

La mia luna veglierà,
il tuo ritorno,
fra le mie braccia.

rose_0001.jpg